Essere coppia

Credi ancora all'amore eterno? Sappi che l'amore, quello vero, non finisce mai e che essere coppia non significa avere una relazione, ma imparare ad amarsi. Scopri come...

 

Autostima

La nostra autostima non dipende dai nostri successi o dal giudizio degli altri. Liberati di vecchie zavorre e scopri il tuo reale valore.

Cosa vuol dire amare

Se impariamo ad amare non avremo più paura o ansia, e saremo felici. Per amare, però, dobbiamo capire cosa vuol dire realmente. Permettimi di spiegartelo, gratuitamente.

 

Perché siamo infelici

 

Qualche mese fa ho letto un libro che si intitolava “Perché siamo infelici”: non nascondo di aver condiviso davvero poche di quelle idee che spesso sembravano dire chiaramente: siamo infelici perché questa è la nostra natura. De Mello, al contrario, sostiene che siamo nati per essere felici e che è la felicità la nostra vera natura. Io concordo con lui: siamo felici perché scegliamo di esserlo, perché siamo nati per esserlo. L’errore è fraintendere la felicità.

Ho già scritto cos’è la felicità spiegando che si tratta di una condizione interiore che non coincide con l’assenza di dolore o problemi, né con la piena soddisfazione di tutti i nostri desideri. Al contrario sono proprio le nostre pretese a renderci infelici. Riflettevo su questo pochi giorni fa, mentre leggevo un libro che parlava di amore, felicità di come essere pienamente umani, e mi è balenata alla mente, anche per alcune esperienze di persone che conosco, una cosa importantissima: siamo infelici perché scegliamo di esserlo.

La vita, ho pensato, scorre come fosse un enorme fiume carico d’acqua. Ognuno di noi ha una barca su cui attraversare questo fiume possente e navighiamo sulle sue acque. Accade che molti di noi rifiutino la direzione della corrente o il paesaggio oppure il clima, si oppongano letteralmente alla vita e facciano di tutto per cambiare direzione. Afferrano le rocce per fermare la barca perché non sono soddisfatti della, si aggrappano a qualsiasi cosa perché pretendono che il fiume scorra diversamente. Più si sforzano è più faticano, si fanno male, soffrono, ma non possono impedire al fiume di scorrere. Alcuni, tristemente, decidono di porre fine al viaggio perché non sono contenti.

Seguire il fiume non vuol dire necessariamente fare un certo lavoro, seguire una certa scuola o raggiungere il successo. Il fiume che rappresenta la vita in questa metafora non stabilisce per tutti una direzione ma un percorso: la vita scorre come un fiume e noi, sulla nostra barca, possiamo decidere di assaporare questo viaggio ogni giorno, navigando sulle acque, oppure fare il possibile per fermare la barca. Qualunque sia la scelta il fiume continua a scorrere.

Siamo infelici perché ci aggrappiamo a qualcosa per non vivere: ci rifiutiamo di vivere perché pretendiamo che i nostri desideri siano realizzati, ci opponiamo alla vita perché esigiamo che tutto si adegui a noi, che le persone ci soddisfino, che gli eventi realizzino i nostri desideri.

L’infelicità è la conseguenza della nostra scelta di non vivere, di rifiutare la vita in tutto quello che comporta: problemi, difficoltà e gioia, soddisfazione, sconfitte e successi, confusione e allegria. Siccome non siamo padroni dell’universo e delle leggi del mondo ci rifiutiamo di vivere, e siamo infelici perché opponiamo resistenza.

Potremmo navigare serenamente sulla corrente, utilizzando i remi per far si che la barca scorra meglio, potremmo avvicinarci ad altre barche ed organizzare feste e banchetti condividendoli con tutti coloro che in quel momento sono in viaggio. Potremmo avvicinarci agli altri e condividere la nostra gioia, sostenerli se sono in difficoltà chiedere e dare aiuto.

Mentre il fiume scorre possiamo scegliere di amare e goderci il viaggio, oppure opporci alla vita ed essere infelici. Vivere non vuol dire però accontentarsi, ma amare il viaggio qualunque sia il paesaggio che vediamo, qualunque siano le condizioni del tempo. Siamo infelici perché rifiutiamo la vita, e questa è una nostra scelta.


Il contenuto dell'articolo che hai letto non è un discorso bello ma teorico. Quello che ho scritto è realizzabile concretamente nella nostra vita.
Il mio impegno è offrirti, gratuitamente, ascolto, tempo e passione per aiutarti a farlo. Se vuoi, io ci sono.

Un commento

  1. alain kagho
    3 novembre 2011 alle 14:52

    siamo umani;in quanti tali dobbiamo ricordarci che la filicità rimanga una delle sfide a seconda della nostra condizione ovvero quella degli esseri umoni che siamo.dapprima siamo nati per essere filici era il primo obbietvo di dio come creatore e fondatore dell’intera umanità pero chiunque puo sciegliere sua strada stando ai suoi propri interessi allo sguardo della vita di ogni giorno.chi vuole esserlo lo sarà e chi non vuole esserlo vedrà il mondo in un senso negativo .perché la vita fa schiffo e la terra constituice una proprietà del diavolo dove fa imposto legge sua. e se non esistessi un supreme questa ultima sarebbe nello schiffo piu grave.in somma a dio apparteniamo tutti noi e grazie a lui otteniamo la guida di amore e felicità.

Commenta

"Se qualcuno commenta, avvisami"

Bello theme by WeGraphics
Back to Top